This article is also available in englishespañol, Deutsch, français and italiano.

Introdotto nel 2011, il Semestre europeo e lo strumento di coordinamento e di raccordo annuale delle politiche europee e nazionali. Nel 2014 ESN ha costituito un gruppo di lavoro che raccoglie gli input dei servizi sociali a livello locale e porta le problematiche sociali sul tavolo delle istituzioni incaricate del Semestre. L’11 settembre, ESN ha tenuto il quarto incontro del gruppo di lavoro, facendo incontrare funzionari della Commissione europea e rappresentanti locali dei servizi sociali di tutta Europa.

Una prospettiva maggiormente concentrata sulle tematiche sociali è necessaria

Secondo quanto affermato da Jeroen Jutte, a capo dell’Unità impiego ed aspetti sociali del Semestre europeo alla Commissione, la proporzione dedicata agli aspetti sociali ed occupazionali contenuta nelle raccomandazioni specifiche per paese, è rimasta invariata negli anni. Tuttavia, membri del gruppo di lavoro hanno fatto notare che, in alcuni Paesi, le raccomandazioni specifiche non affrontano adeguatamente i problemi sociali. Ad esempio, le raccomandazioni per la Danimarca non contengono nessun riferimento ai temi sociali.

Inoltre, circa il 40% delle raccomandazioni specifiche per Paese, riguardo alle tematiche sociali, fa riferimento soltanto agli aspetti legati all’occupazione e alla formazione. Dal 2014 al 2017 ESN ha enfatizzato la necessità di una visione più ad ampio raggio di inclusione sociale che vada al di là del solo aspetto occupazionale.

Il gruppo di lavoro sul Semestre ha anche criticato l’inadeguatezza delle raccomandazioni specifiche per Paese, che spesso considerano i problemi in termini puramente ed esclusivamente economici, mancando di evidenziare altre sfumature che concorrono alla definizione del problema stesso. I rappresentanti delle autorità locali irlandesi che hanno preso parte al gruppo di lavoro, hanno portato il loro esempio per quel che concerne l’housing sociale, che beneficerebbe di più da un approccio più integrato: non si dovrebbe solo considerarlo in termini di pagamenti ma anche di tutta una serie di servizi di supporto che si sviluppano intorno al concetto di housing sociale.

Un maggiore coinvolgimento delle autorità locali è necessario

La mancanza della dimensione locale e del ruolo delle autorità locali è stata denunciata da ESN sin dal 2014. Eppure sono proprio i poteri locali ad essere responsabili in ultima istanza della messa in pratica delle politiche sociali. Uno dei suggerimenti emersi durante le riunioni del gruppo di lavoro è quello di formulare specifici suggerimenti, indirizzati alle realtà locali, all’interno delle stesse raccomandazioni specifiche per Paese.

Il Pilastro europeo dei diritti sociali (EPSR) è un’opportunità per dare una dimensione più sociale al Semestre europeo

L’EPSR  è stato uno dei punti focali del dibattito. Jeroen Jutte e Istvan Vanyolos, della Commissione europea, hanno spiegato che i principi contenuti nell’EPSR saranno in larga parte messi in pratica attraverso il Semestre. Per questo l’EPSR rappresenta un’ottima opportunità per dare maggiore risalto al sociale nel Semestre europeo.

Per l’avvenire sarebbe auspicabile che tutti i Paesi membri dell’UE abbiano un’idea condivisa su come applicare i principi del Pilastro. I componenti del gruppo di lavoro hanno reiterato quei messaggi contenuti nella risposta di ESN alla consultazione lanciata dalla Commissione “Towards a People’s Europe”. In questo documento, ha riaffermato il dovere delle autorità locali di prendersi cura delle persone in tutto il loro ciclo di vita e che i diritti sociali sono di tutti e non solo di coloro che si trovano all’interno della forza lavoro.

Dal 2014 al 2017 il gruppo di lavoro di ESN sul Semestre europeo ha offerto uno sguardo prezioso sulle tematiche sociali e sulle difficoltà avvertite nella dimensione locale. Molto ancora si deve fare per connettere la Commissione europea con tali realtà, ma ESN auspica che l’adozione di alcuni dei principi del Pilastro elevi le tematiche sociali e dia loro la loro giusta collocazione al di là delle problematiche legate all’occupazione.

Fra qualche settimana, in autunno, ESN pubblicherà il suo report sul Semestre europeo per il 2017, dove il lettore troverà un’analisi basata sul metodo dell’evidenza di quelle che sono i punti critici del Semestre per quel concerne gli aspetti sociali, proprio nel periodo in cui la Commissione europea si prepara al nuovo Semestre europeo per l’anno 2018.

Risorse