Il lavoro svolto in passato dimostra che i servizi sociali sono consapevoli dell'importanza di migliorare il coordinamento con altri settori :

  • Rispondere alle complesse problematiche che gli individui si trovano ad affrontare, avvalendosi delle competenze dei diversi settori.
  • promuovere dell strategie per una maggiore prevenzione individuando anticipatamente i bisogni

Abbiamo approfondito questo argomento nel corso del nostro gruppo di lavoro sull'Assistenza e il Supporto Integrati, che si è riunito per la prima volta dal 29 al 30 novembre 2018 e si è concentrato sul tema infanzia.

I progressi nella realizzazione di un sistema di supporto più integrato per l’infanzia variano da un paese all'altro in Europa. Anja Langness, Bertelsmann Stiftung (Germania) ha descritto le seguenti conclusioni di uno studio inerente al progetto "Leave no child behind":

  • le politiche integrate per l'infanzia si realizzano spesso a livello locale nei paesi più decentrati
  • In diversi paesi sono stati creati dei network intersettoriali, mentre in altri paesi la prestazione di servizi è frammentata e il coordinamento è ancora scarso.

 

Tenendo presente questo quadro europeo, i nostri membri hanno discusso le strategie efficaci adottate a livello locale, regionale e nazionale.

Una responsabilità condivisa

In primo luogo, il benessere dei bambini dovrebbe costituire una responsabilità condivisa tra i diversi professionisti del settore dell'istruzione, della sanità e della polizia, in quanto è probabile che, attraverso il loro lavoro, entrino tutti in contatto con dei bambini vulnerabili.

Teodóra Ráczné Németh, Direzione Generale per gli Affari Sociali e la Protezione dell'Infanzia (Ungheria) ha illustrato la nascita di un Team  Intersettoriale, sviluppato a livello nazionale per sostenere questa responsabilità condivisa. Il team è riuscito a comprendere meglio le diverse responsabilità per ogni settore e a migliorare la comunicazione per promuovere misure preventive, come ad esempio un sistema di segnalazione per i bambini a rischio.

Una visione condivisa

Sviluppare una visione condivisa per l'infanzia e la famiglia, insieme ai vari settori dei servizi, è un aspetto essenziale per evitare una frammentazione e una visione indipendente da parte dei diversi servizi.

Jesús Vaca ha presentato i passi che hanno reso possibile raggiungere questo obiettivo in Navarra (Spagna), attraverso il progetto "Early Detection and Intervention". Un fattore determinante del progetto è la collaborazione tra i professionisti dei servizi sanitari, sociali ed educativi e le famiglie per creare un programma comune per il nucleo familiare.

Risultati migliori per i bambini?                                                                                                                                

Mary Baginsky, del King's College di Londra, ha sottolineato la presenza di evidenze scientifiche che dimostrano un migliore coordinamento tra le organizzazioni attraverso progetti di assistenza e supporto integrati. Tuttavia, i risultati positivi per i bambini si basano in gran parte sulle percezioni, e mancano prove che dimostrino l'impatto reale. I nostri membri hanno concordato sulla necessità di utilizzare un maggior numero di strumenti di valutazione per quantificare tale impatto.

L'obiettivo del nostro gruppo di lavoro Assistenza e Supporto Integrati è costruire una biblioteca delle pratiche innovative applicate dai nostri membri. Le loro pratiche e dibattiti serviranno da ispirazione per i servizi sociali in tutta Europa, per sviluppare un sistema di assistenza e supporto più integrato per l'infanzia. Tali pratiche e la relativa documentazione saranno pubblicate all'inizio del 2019.

 

Resources