This article is also available in EnglishEspañolDeutschFrançais, and Italiano.

Il Pilastro Europeo dei Diritti Sociali (EPSR) è un elemento significativo delle politiche sociali presentato dalla Commissione europea. Contiene 20 principi scritti che costituiscono una dichiarazione scritta e che stabiliscono i diritti per i cittadini europei. Essi non sono giuridicamente vincolanti ma auspicabili. I principi trattano molte questioni rilevanti per i servizi sociali, incluso il sostegno ai minori, l'inclusione delle persone con disabilità, l’assistenza a lungo termine e le abitazioni.

Molti dei principi corrispondono alle competenze assegnate ai servizi sociali pubblici locali, che sono direttamente responsabili per l'attuazione di politiche e pratiche atte a sostenere i diritti delle persone, soprattutto delle più vulnerabili. Gli utenti dei servizi, dunque, hanno un ruolo cruciale in questo processo e vanno consultati e sostenuti se si ha l’obbiettivo di realizzare i principi postulati dall’ EPSR. 

Rappresentare i servizi sociali alla Conferenza Europea sul Pilastro dei Diritti Sociali

Lo European Social Network (ESN) evidenzierà il ruolo fondamentale dei servizi sociali pubblici locali per l'attuazione dell’ EPSR durante l’evento più importante per le politiche sociali della Commissione europea: La Convention Annuale del 2018 per Crescita Inclusiva (ACIG). Quest'anno si occuperà dell’ EPSR ed avrà luogo il 27 aprile a Bruxelles.

L’amministratore delegato di ESN, Alfonso Lara Montero, parteciperà ad un dibattito durante il quale parlerà dei messaggi chiave del documento programmatico di ESN riguardo all’ EPSR e della speranza dei servizi sociali di ricevere sostegno dall’applicazione dell’ EPSR nel loro lavoro nelle comunità locali in tutta Europa.

ESN organizzerà, parallelamente, anche un evento collaterale con EUROCITIES, la rete per le grandi città in Europa. L’evento collaterale, ' Dal Principio all’Azione’: Applicare il Pilastro a Livello Locale', darà ad ESN e ai membri di EUROCITIES provenienti da Francia, Olanda, Romania, Svezia e Regno Unito la possibilità di mostrare in che modo gli strumenti dell’ EU (come politiche e fondi strutturali) possono sostenerli nell'attuazione dei principi EPSR. L’evento fornirà anche l'opportunità di discutere il modo in cui le pratiche locali stanno contribuendo all'applicazione dell’ EPSR.

Inoltre, ESN ha facilitato l'inserimento dei suoi membri Ana Radulescu dal Centro per la Formazione e Valutazione nel Lavoro Sociale (CFCECAS), Romania e Matthias Schulze-Böing dall'Associazione Locale per le Politiche Occupazionali, Germania, nell'officina ACIG ‘La funzione catalizzatrice e di sostegno dei servizi sociali’. Si discuterà di come si possa garantire l'accesso a servizi sociali di qualità a chi ne ha bisogno.

Uno dei membri di ESN, la Regione della Catalogna, presenterà separatamente la sua proposta di reddito garantito durante una sessione di 'speed-dating'.

I principi EPSR attualmente rappresentano i parametri di riferimento per misurare i progressi compiuti dagli Stati Membri, principalmente attraverso l’applicazione di orientamenti politici e Fondi Strutturali e di Investimento Europei. Per garantire che i principi possano diventare realtà, è indispensabile che la Commissione si impegni con i servizi sociali locali al fine di permetterne l’applicazione. In che modo sia realizzabile tutto questo sarà il principale punto di discussione di ESN e i dei suoi membri durante la ACIG.

Potrete mantenervi aggiornati sui dibattiti durante la ACIG e sui messaggi chiave di ESN seguendo le trasmissioni in diretta sui social media: